Parola, eucaristia e vita

La liturgia è il culmine verso cui tende l’azione della Chiesa e, al tempo stesso, la fonte da cui promana tutta la sua energia. Il lavoro apostolico, infatti, è ordinato a che tutti, diventati figli di Dio mediante la fede e il battesimo, si riuniscano in assemblea, lodino Dio nella Chiesa, prendano parte al sacrificio e alla mensa del Signore. A sua volta, la liturgia spinge i fedeli, nutriti dei «sacramenti pasquali», a vivere «in perfetta unione»; prega affinché «esprimano nella vita quanto hanno ricevuto mediante la fede»; la rinnovazione poi dell’alleanza di Dio con gli uomini nell’eucaristia introduce i fedeli nella pressante carità di Cristo e li infiamma con essa. Dalla liturgia, dunque, e particolarmente dall’eucaristia, deriva in noi, come da sorgente, la grazia, e si ottiene con la massima efficacia quella santificazione degli uomini nel Cristo e quella glorificazione di Dio, alla quale tendono, come a loro fine, tutte le altre attività della Chiesa. (Sacrosanctum concilium, 10)

In molte comunità ecclesiali i testi della liturgia della parola domenicale vengono letti la settimana precedente, per preparare il cuore all’accoglienza di quella Parola che il Signore è pronto a donarci. Utilizzando i moltissimi commenti presenti sulla rete o in vari sussidi, molti credenti si preparano anche personalmente attraverso la lettura di quei testi… ma trascorsa la domenica, condivisa la Parola e l’Eucaristia con la comunità, quei testi vengono quasi dimenticati.
La Parola della domenica, insieme con l’Eucaristia, dovrebbero invece essere il viatico che ci accompagna durante la settimana. Dall’incontro con il Risorto, avvenuto nel giorno del Signore, dovrebbe scaturire la vita della comunità e la nostra vita di discepoli missionari.

Con la comunità dei seminaristi presenti a Bologna, da ottobre scorso, ogni settimana dedichiamo uno spazio di condivisione spirituale sul Vangelo della domenica precedente, cercando di comunicare ai fratelli come quel Vangelo, accolto nell’ascolto e divenuto carne nella nostra celebrazione eucaristica, ci ha interpellato come credenti, come ha impattato sulla nostra vita.

Proverei a fare lo stesso attraverso questo blog che riprende vita, ma in modo diverso.
Mi piacerebbe che nello spazio del commenti, che si trova in basso, chi se la sente, quando se la sente, provasse con semplicità e brevità a proporre una piccola condivisione spirituale che parte dall’esperienza spirituale vissuta nella celebrazione domenicale.
E’ una piccola esperienza che proviamo a mettere in atto, a partire dalla comunità in rete che si era creata negli anni passati.
Rispetto ai commenti pubblicati in precedenza, la proposta è più attiva, e forse più impegnativa, ma anche più ricca sul piano ecclesiale.
Iniziamo con questo nuovo anno e nel tempo ordinario.
Partiamo e vediamo cosa accade!

4 pensieri su “Parola, eucaristia e vita

  1. Grazie, mi mancavano i tuoi commenti al Vangelo! Ho diversi libri e libretti, ma…o mi dimentico di aprirli o scorro i commenti così velocemente che spesso non mi dicono nulla! Prima di affrontare il Battesimo di Gesù (dopo, con calma), ho una domanda che da tempo mi insegue sulla prima lettura di oggi… È la pagina della vocazione di Samuele, che considero una delle più belle della Bibbia (anche per ragioni anagrafiche!), ma arrivata al passo “né lasciò andare a vuoto una sola delle sue parole” resto sempre perplessa… Le parole di chi? Tutti i commentatori interpretano “le parole del Signore”, ma grammaticalmente non fila, nella traduzione italiana precede “e il Signore fu con lui”, per cui sembrerebbe che il soggetto del periodo, “il Signore”, è quello che non lascia andare a vuoto le parole di Samuele! Che potrebbe anche essere… Samuele era considerato profeta, veggente, e intercessore potente (così è ricordato anche in un salmo), per cui le sue parole (attraverso cui passavano quelle di Dio) si realizzavano sempre… Può essere, o è solo un’imprecisione della traduzione? Cosa dice letteralmente il testo ebraico? Grazie.

    "Mi piace"

  2. Grazie Don Andrea , sono davvero felice per questa nuova avventura, non so quanto interverrò ma sicuramente sarò sempre presente..
    Buon viaggio insieme

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.