Accoglienza e rifiuto

Dagli Atti degli Apostoli 16,11-15
Salpati da Tròade, facemmo vela direttamente verso Samotràcia e, il giorno dopo, verso Neàpoli e di qui a Filippi, colonia romana e città del primo distretto della Macedònia.
Restammo in questa città alcuni giorni. Il sabato uscimmo fuori della porta lungo il fiume, dove ritenevamo che si facesse la preghiera e, dopo aver preso posto, rivolgevamo la parola alle donne là riunite.
Ad ascoltare c’era anche una donna di nome Lidia, commerciante di porpora, della città di Tiàtira, una credente in Dio, e il Signore le aprì il cuore per aderire alle parole di Paolo.
Dopo essere stata battezzata insieme alla sua famiglia, ci invitò dicendo: «Se mi avete giudicata fedele al Signore, venite e rimanete nella mia casa». E ci costrinse ad accettare.

Dal Vangelo secondo Giovanni 15,26-16,4
In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli: «Quando verrà il Paràclito, che io vi manderò dal Padre, lo Spirito della verità che procede dal Padre, egli darà testimonianza di me; e anche voi date testimonianza, perché siete con me fin dal principio.
Vi ho detto queste cose perché non abbiate a scandalizzarvi. Vi scacceranno dalle sinagoghe; anzi, viene l’ora in cui chiunque vi ucciderà crederà di rendere culto a Dio. E faranno ciò, perché non hanno conosciuto né il Padre né me. Ma vi ho detto queste cose affinché, quando verrà la loro ora, ve ne ricordiate, perché io ve l’ho detto».

Nelle letture di oggi sono messi ben in evidenza due esiti possibili della evangelizzazione: l’accoglienza – come nel caso di Lidia e della sua famiglia – o il rifiuto fino al martirio.
L’esito non è affatto scontato.
Un parte dipende dal Signore che apre il cuore. Ma l’altra dipende dalla libertà dell’uomo che accoglie o rifiuta l’annuncio del regno. L’aspetto più drammatico di questo rifiuto – come afferma lo stesso Gesù – è che esso viene motivato dall’esigenza di rendere un vero culto a Dio, come se il Vangelo costituisse una minaccia ai sistemi religiosi. In realtà sappiamo dalla storia che molte volte è stato proprio così e così è anche in molti luoghi del mondo in questo tempo.

Nonostante il potenziale pericolo, il Vangelo continua ad essere annunciato e, per un mistero della provvidenza di Dio, proprio lì dove è più osteggiato è anche più accolto, proprio per la credibilità dei testimoni.

Una buona notizia: Il Vangelo ci lascia liberi di accogliere la parola di salvezza che ci viene annunciata.

Per pregare: dal Salmo 149
Cantate al Signore un canto nuovo;
la sua lode nell’assemblea dei fedeli.
Gioisca Israele nel suo creatore,
esultino nel loro re i figli di Sion.

Lodino il suo nome con danze,
con tamburelli e cetre gli cantino inni.
Il Signore ama il suo popolo,
incorona i poveri di vittoria.

Esultino i fedeli nella gloria,
facciano festa sui loro giacigli.
Le lodi di Dio sulla loro bocca.
Questo è un onore per tutti i suoi fedeli.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.