Un solo giusto

Dal libro della Gènesi 6,5-8; 7,1-5.10
Il Signore vide che la malvagità degli uomini era grande sulla terra e che ogni intimo intento del loro cuore non era altro che male, sempre. E il Signore si pentì di aver fatto l’uomo sulla terra e se ne addolorò in cuor suo.
Il Signore disse: «Cancellerò dalla faccia della terra l’uomo che ho creato e, con l’uomo, anche il bestiame e i rettili e gli uccelli del cielo, perché sono pentito di averli fatti». Ma Noè trovò grazia agli occhi del Signore.
Il Signore disse a Noè: «Entra nell’arca tu con tutta la tua famiglia, perché ti ho visto giusto dinanzi a me in questa generazione. Di ogni animale puro prendine con te sette paia, il maschio e la sua femmina; degli animali che non sono puri un paio, il maschio e la sua femmina. Anche degli uccelli del cielo, sette paia, maschio e femmina, per conservarne in vita la razza su tutta la terra. Perché tra sette giorni farò piovere sulla terra per quaranta giorni e quaranta notti; cancellerò dalla terra ogni essere che ho fatto». Noè fece quanto il Signore gli aveva comandato.
Dopo sette giorni, le acque del diluvio furono sopra la terra.

Dal Vangelo secondo Marco 8,14-21
In quel tempo, i discepoli avevano dimenticato di prendere dei pani e non avevano con sé sulla barca che un solo pane. Allora Gesù li ammoniva dicendo: «Fate attenzione, guardatevi dal lievito dei farisei e dal lievito di Erode!». Ma quelli discutevano fra loro perché non avevano pane.
Si accorse di questo e disse loro: «Perché discutete che non avete pane? Non capite ancora e non comprendete? Avete il cuore indurito? Avete occhi e non vedete, avete orecchi e non udite? E non vi ricordate, quando ho spezzato i cinque pani per i cinquemila, quante ceste colme di pezzi avete portato via?». Gli dissero: «Dodici». «E quando ho spezzato i sette pani per i quattromila, quante sporte piene di pezzi avete portato via?». Gli dissero: «Sette». E disse loro: «Non comprendete ancora?».

Prima che l’acqua del diluvio dilaghi sulla terra, il male si era diffuso a tal punto da contaminare “ogni intimo intento del cuore dell’uomo“. Questa affermazione risulta terribile perché non solo le azioni risultano malvage, ma anche le intenzioni che muovo quelle azioni: davvero sembra che non ci sia nulla da salvare.
Si comprende la reazione addolorata di Dio di fronte alla scelta dell’uomo di abbandonarsi e lasciarsi dominare dal male.
Ma la Bibbia – così come la storia dell’umanità – non è una storia di peccato, ma una storia di salvezza, perché Dio, pur con tutte le motivazioni, riesce a trovare una strada per salvare il mondo e la vita. Egli ha però bisogno di un seme buono, di un uomo giusto, che possa rappresentare l’inizio di una creazione nuova e di una umanità che vive nella giustizia.

Non basterà quell’uomo giusto però per preservare il mondo dal peccato; anche nella nuova creazione dopo il diluvio e fino ai nostri giorni, l’uomo può scegliere liberamente quale orientamento dare alla propria vita, e, spesso, si trova a scegliere il male. Anche i discepoli, che pure avevano fatto una scelta importante seguendo Gesù, s trovano a ragionare e a lasciarsi dominare da pensieri che poco hanno a che fare con la fiducia in Dio.

Davvero non è facile comprendere! Ma i segni che il signore ha posto sul nostro cammino, quelli in cui ha manifestato la sua potenza e la sua misericordia, dovrebbero aiutarci a riconoscere per quale via possiamo camminare nella giustizia.

Una buona notizia: Un solo uomo giusto diviene il principio per una nuova umanità. Se Dio ha pensato fosse possibile mediante Noè, tanto più lo ha reso possibile in Gesù, il nuovo Adamo e il principio della nuova creazione.

Per pregare: dal Salmo 28
Date al Signore, figli di Dio,
date al Signore gloria e potenza.
Date al Signore la gloria del suo nome,
prostratevi al Signore nel suo atrio santo.

La voce del Signore è sopra le acque,
il Signore sulle grandi acque.
La voce del Signore è forza,
la voce del Signore è potenza.

Tuona il Dio della gloria,
nel suo tempio tutti dicono: «Gloria!».
Il Signore è seduto sull’oceano del cielo,
il Signore siede re per sempre.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.