Oltre la Legge

Dalla lettera di san Paolo apostolo ai Gàlati 5,18-25
Fratelli, se vi lasciate guidare dallo Spirito, non siete sotto la Legge.
Del resto sono ben note le opere della carne: fornicazione, impurità, dissolutezza, idolatria, stregonerie, inimicizie, discordia, gelosia, dissensi, divisioni, fazioni, invidie, ubriachezze, orge e cose del genere. Riguardo a queste cose vi preavviso, come già ho detto: chi le compie non erediterà il regno di Dio.
Il frutto dello Spirito invece è amore, gioia, pace, magnanimità, benevolenza, bontà, fedeltà, mitezza, dominio di sé; contro queste cose non c’è Legge.
Quelli che sono di Cristo Gesù hanno crocifisso la carne con le sue passioni e i suoi desideri. Perciò se viviamo dello Spirito, camminiamo anche secondo lo Spirito.

Dal Vangelo secondo Luca 11,42-46
In quel tempo, il Signore disse: «Guai a voi, farisei, che pagate la decima sulla menta, sulla ruta e su tutte le erbe, e lasciate da parte la giustizia e l’amore di Dio. Queste invece erano le cose da fare, senza trascurare quelle. Guai a voi, farisei, che amate i primi posti nelle sinagoghe e i saluti sulle piazze. Guai a voi, perché siete come quei sepolcri che non si vedono e la gente vi passa sopra senza saperlo».
Intervenne uno dei dottori della Legge e gli disse: «Maestro, dicendo questo, tu offendi anche noi». Egli rispose: «Guai anche a voi, dottori della Legge, che caricate gli uomini di pesi insopportabili, e quei pesi voi non li toccate nemmeno con un dito!».

Il testo di san Paolo ai Galati disegna l’identikit della persona che vive secondo lo Spirito di Dio, secondo l’amore (Padre, donaci lo Spirito dell’amore, lo Spirito del tuo Figlio – preghiera eucaristica V).
Poiché anche Gesù dice che dai frutti si riconosce chi sia una persona, in una persona che vive secondo lo spirito si rilevano  frutti, di amore, gioia, pace, magnanimità… le cose che Dio realizza in una persona che lo segue, che vive nel desiderio di compiere la volontà di Dio. Sono tutte cose molto buone e desiderabili che non solo ci rendono dei buoni credenti, ma, soprattutto, delle belle persone, delle persone con un’umanità piena. Questo è quanto realizza lo Spirito di Dio in noi.

Al contrario chi vive secondo la carne, seguendo sé stesso, il proprio modo di pensare e di valutare, si trova a fare i conti con una serie di frutti perversi che ci parlano di un’umanità malata.

La logica di Paolo non rappresenta un giudizio sulla singola persona, ma si propone come un orizzonte dentro al quale leggere la propria esperienza nel desiderio che tutti vivano secondo la volontà di Dio, – secondo lo Spirito – per sperimentare quei frutti di bene.

Una buona notizia: chi segue Cristo, l’uomo vero, diventa anche lui più uomo.

Per pregare: Salmo 1
Beato l’uomo che non entra nel consiglio dei malvagi,
non resta nella via dei peccatori
e non siede in compagnia degli arroganti,
ma nella legge del Signore trova la sua gioia,
la sua legge medita giorno e notte.

È come albero piantato lungo corsi d’acqua,
che dà frutto a suo tempo:
le sue foglie non appassiscono
e tutto quello che fa, riesce bene.

Non così, non così i malvagi,
ma come pula che il vento disperde;
poiché il Signore veglia sul cammino dei giusti,
mentre la via dei malvagi va in rovina.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.