Pace e ristoro

giogo

Dal libro del profeta Isaìa 26,7-9.12.16-19
Il sentiero del giusto è diritto,
il cammino del giusto tu rendi piano.
Sì, sul sentiero dei tuoi giudizi,
Signore, noi speriamo in te;
al tuo nome e al tuo ricordo
si volge tutto il nostro desiderio.
Di notte anela a te l’anima mia,
al mattino dentro di me il mio spirito ti cerca,
perché quando eserciti i tuoi giudizi sulla terra,
imparano la giustizia gli abitanti del mondo.
Signore, ci concederai la pace,
perché tutte le nostre imprese tu compi per noi.
Signore, nella tribolazione ti hanno cercato;
a te hanno gridato nella prova, che è la tua correzione per loro.
Come una donna incinta che sta per partorire
si contorce e grida nei dolori,
così siamo stati noi di fronte a te, Signore.
Abbiamo concepito,
abbiamo sentito i dolori
quasi dovessimo partorire:
era solo vento;
non abbiamo portato salvezza alla terra
e non sono nati abitanti nel mondo.
Ma di nuovo vivranno i tuoi morti.
I miei cadaveri risorgeranno!
Svegliatevi ed esultate
voi che giacete nella polvere.
Sì, la tua rugiada è rugiada luminosa,
la terra darà alla luce le ombre.

Dal Vangelo secondo Matteo 11,28-30
In quel tempo, Gesù disse: «Venite a me, voi tutti che siete stanchi e oppressi, e io vi darò ristoro. Prendete il mio giogo sopra di voi e imparate da me, che sono mite e umile di cuore, e troverete ristoro per la vostra vita. Il mio giogo infatti è dolce e il mio peso leggero».

Il simbolo del giogo è talmente ambiguo che solamente Gesù può fare una proposta così! Come la Croce che Gesù invita a portare è segno di riscatto e di salvezza, pur nella sua atrocità, così anche il giogo che lui ci invita ad assumere per trovare ristoro e pace per la nostra vita, assume questo significato solamente perché è lui che ce lo propone e perché è lui per primo che lo assume accanto a noi.

Con quel giogo saremo capaci di percorrere il sentiero del giusto di cui ci parla Isaia, quello che il Signore rende piano.

Quel giogo è segno di un legame forte, che si assume liberamente e per amore (come quello dei coniugi), che consente di camminare accanto percorrendo la medesima strada senza deviare a destra o a sinistra. Quel giogo è il segno di un legame che non si spezza e che il Signore assume insieme con noi perché lui per primo lo assume per camminare accanto a noi.

Quel giogo è dolce perché parla di una scelta ed è leggero perché parla di condivisione. Quel giogo, assicurandoci la strada, ci concede la speranza di dare successo alle nostre imprese e di non ridurci a partorire vento.

Una buona notizia: il giogo che il Signore assume e che ci invita ad assumere, ci lega fortemente a lui e ci custodisce su quel cammino che conduce la nostra vita alla mèta della pace e del bene.

Per pregare: dal Salmo 101
Tu, Signore, rimani in eterno,
il tuo ricordo di generazione in generazione.
Ti alzerai e avrai compassione di Sion:
è tempo di averne pietà, l’ora è venuta!
Poiché ai tuoi servi sono care le sue pietre
e li muove a pietà la sua polvere.

Le genti temeranno il nome del Signore
e tutti i re della terra la tua gloria,
quando il Signore avrà ricostruito Sion
e sarà apparso in tutto il suo splendore.
Egli si volge alla preghiera dei derelitti,
non disprezza la loro preghiera.

Questo si scriva per la generazione futura
e un popolo, da lui creato, darà lode al Signore:
«Il Signore si è affacciato dall’alto del suo santuario,
dal cielo ha guardato la terra,
per ascoltare il sospiro del prigioniero,
per liberare i condannati a morte».

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.