Barnaba, l’apostolo

2a730b965606ef441dc0754edc28d85b_XL

Dagli Atti degli Apostoli 11,21-26;13,1-3
In quei giorni, [in Antiòchia], un grande numero credette e si convertì al Signore. Questa notizia giunse agli orecchi della Chiesa di Gerusalemme, e mandarono Bàrnaba ad Antiòchia.
Quando questi giunse e vide la grazia di Dio, si rallegrò ed esortava tutti a restare, con cuore risoluto, fedeli al Signore, da uomo virtuoso qual era e pieno di Spirito Santo e di fede. E una folla considerevole fu aggiunta al Signore.
Bàrnaba poi partì alla volta di Tarso per cercare Saulo: lo trovò e lo condusse ad Antiòchia. Rimasero insieme un anno intero in quella Chiesa e istruirono molta gente. Ad Antiòchia per la prima volta i discepoli furono chiamati cristiani.
C’erano nella Chiesa di Antiòchia profeti e maestri: Bàrnaba, Simeone detto Niger, Lucio di Cirene, Manaèn, compagno d’infanzia di Erode il tetrarca, e Saulo. Mentre essi stavano celebrando il culto del Signore e digiunando, lo Spirito Santo disse: «Riservate per me Bàrnaba e Saulo per l’opera alla quale li ho chiamati». Allora, dopo aver digiunato e pregato, imposero loro le mani e li congedarono.

Dal Vangelo secondo Matteo 10,7-13
In quel tempo, disse Gesù ai suoi apostoli: «Strada facendo, predicate, dicendo che il regno dei cieli è vicino. Guarite gli infermi, risuscitate i morti, purificate i lebbrosi, scacciate i demòni.
Gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date. Non procuratevi oro né argento né denaro nelle vostre cinture, né sacca da viaggio, né due tuniche, né sandali, né bastone, perché chi lavora ha diritto al suo nutrimento.
In qualunque città o villaggio entriate, domandate chi là sia degno e rimanetevi finché non sarete partiti.
Entrando nella casa, rivolgetele il saluto. Se quella casa ne è degna, la vostra pace scenda su di essa; ma se non ne è degna, la vostra pace ritorni a voi».

Premetto che io stravedo per Barnaba. E’ una figura evangelicamente affascinante e rappresenta un mio modello di vita apostolica. Barnaba ci aiuta a comprendere come si vive l’apostolato evangelico. Tratteggio solo alcuni elementi che mi colpiscono sempre quando leggo questi testi:
– Barnaba, l’apostolo, è colui che è capace di vedere la grazie di Dio e rallegrarsi; non è uno che vede solo il male e vuole combatterlo usando Dio e la sua Parola. L’apostolo è colui che sa riconoscere l’azione di Dio (che precedere sempre) e sa collaborare con Dio.

– Barnaba, l’apostolo, è colui che include nella missione altre figure che lui sa essere utili a coloro che sono destinatari dell’annuncio. Barnaba si reca a Tarso per chiamare Saulo e renderlo partecipe dell’opera della missione. E’ molto bello che non sia geloso del lavoro che ha scoperto di poter fare, ma che subito lo condivida con altri. 

– Barnaba, l’apostolo, è colui che sa ripartire dalla sua comunità; sa che il missionario deve andare là dove lo Spirito lo invia, senza legarsi né alle persone, né all’opera che aveva iniziato a compiere. Mi colpisce che Sia Barnaba che Paolo si fermano per un tempo relativamente breve nelle comunità che hanno evangelizzato, per poi lasciarle camminare con le loro gambe.

– Il vangelo di oggi ci mostra alcuni tratti caratteristici della missione dei discepoli di Gesù; sono gli stessi che possiamo ritrovare nella figura di Barnaba: l’esperienza della strada, la povertà evangelica, il desiderio di portare e custodire la pace… Sono gli atteggiamenti e lo stile del missionario.

Una buona notizia: l’annuncio del Vangelo e una gioia che si condivide con altri, attraverso la predicazione, i gesti di salvezza e la testimonianza.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.