Luce e notte

cristo_cenacolo_firenze

Dal libro del profeta Isaìa 49,1-6
Ascoltatemi, o isole, udite attentamente, nazioni lontane;
il Signore dal seno materno mi ha chiamato,
fino dal grembo di mia madre ha pronunciato il mio nome.
Ha reso la mia bocca come spada affilata,
mi ha nascosto all’ombra della sua mano,
mi ha reso freccia appuntita,
mi ha riposto nella sua farètra.
Mi ha detto: «Mio servo tu sei, Israele,
sul quale manifesterò la mia gloria».
Io ho risposto: «Invano ho faticato,
per nulla e invano ho consumato le mie forze.
Ma, certo, il mio diritto è presso il Signore,
la mia ricompensa presso il mio Dio».
Ora ha parlato il Signore,
che mi ha plasmato suo servo dal seno materno
per ricondurre a lui Giacobbe
e a lui riunire Israele
– poiché ero stato onorato dal Signore
e Dio era stato la mia forza –,
e ha detto: «È troppo poco che tu sia mio servo
per restaurare le tribù di Giacobbe
e ricondurre i superstiti d’Israele.
Io ti renderò luce delle nazioni,
perché porti la mia salvezza
fino all’estremità della terra».

Dal Vangelo secondo Giovanni 13,21-33.36-38
In quel tempo, [mentre era a mensa con i suoi discepoli,] Gesù fu profondamente turbato e dichiarò: «In verità, in verità io vi dico: uno di voi mi tradirà».
I discepoli si guardavano l’un l’altro, non sapendo bene di chi parlasse. Ora uno dei discepoli, quello che Gesù amava, si trovava a tavola al fianco di Gesù. Simon Pietro gli fece cenno di informarsi chi fosse quello di cui parlava. Ed egli, chinandosi sul petto di Gesù, gli disse: «Signore, chi è?». Rispose Gesù: «È colui per il quale intingerò il boccone e glielo darò». E, intinto il boccone, lo prese e lo diede a Giuda, figlio di Simone Iscariòta. Allora, dopo il boccone, Satana entrò in lui.
Gli disse dunque Gesù: «Quello che vuoi fare, fallo presto». Nessuno dei commensali capì perché gli avesse detto questo; alcuni infatti pensavano che, poiché Giuda teneva la cassa, Gesù gli avesse detto: «Compra quello che ci occorre per la festa», oppure che dovesse dare qualche cosa ai poveri. Egli, preso il boccone, subito uscì. Ed era notte.
Quando fu uscito, Gesù disse: «Ora il Figlio dell’uomo è stato glorificato, e Dio è stato glorificato in lui. Se Dio è stato glorificato in lui, anche Dio lo glorificherà da parte sua e lo glorificherà subito. Figlioli, ancora per poco sono con voi; voi mi cercherete ma, come ho detto ai Giudei, ora lo dico anche a voi: dove vado io, voi non potete venire».
Simon Pietro gli disse: «Signore, dove vai?». Gli rispose Gesù: «Dove io vado, tu per ora non puoi seguirmi; mi seguirai più tardi». Pietro disse: «Signore, perché non posso seguirti ora? Darò la mia vita per te!». Rispose Gesù: «Darai la tua vita per me? In verità, in verità io ti dico: non canterà il gallo, prima che tu non m’abbia rinnegato tre volte».

Due simboli primordiali caratterizzano i due testi della liturgia di oggi: la luce e la notte. Siamo come riportati all’inizio della creazione, ma in questo caso non è solo l’azione di Dio che divide il giorno e la luce, dal buio della notte, ma la libertà dell’uomo.

Il testo di Isaia ci presenta il secondo canto del servo di Dio e si manifesta come un dialogo tra il Signore e il chiamato, un dialogo con qualche difficoltà, perché la “visione” di Dio non coincide esattamente con quella del servo, che manifesta a Dio le sue delusioni. Da una parte si riconosce ciò che il Signore ha compiuto, concedendo al suo servo i doni necessari per adempiere la sua missione: ha reso la mia bocca come spada affilata, mi ha nascosto all’ombra della sua mano, mi ha reso freccia appuntita, mi ha riposto nella sua farètra. Ma il chiamato sperimenta difficoltà ad adempiere il proprio mandato, perché la Parola che lui è chiamato a pronunciare, sembra non sia accolta.
Di fronte a questa difficoltà il Signore non lo consola, ma allarga l’orizzonte della sua missione, chiamandolo a divenire luce delle nazioni e annunciatore di salvezza per tutta la terra; sarà quello che accade a Paolo e Barnaba ad Antiochia; visto che i Giudei non accoglievano il Vangelo, essi si rivolgono ai pagani i quali, pieni di gioia, accologono gli apostoli (Cfr At 11).

In questa immagine luminosa ritroviamo le parole di Gesù che, dopo la scelta nefasta di Giuda, sapendo di aver compiuto la volontà del Padre dice: Ora il Figlio dell’uomo è stato glorificato, e Dio è stato glorificato in lui. Se Dio è stato glorificato in lui, anche Dio lo glorificherà da parte sua e lo glorificherà subito.
C’è un grande mistero di luce in questa adesione totale del servo di Dio alla volontà del Signore: è questa adesione che diventa la condizione per manifestare la gloria di Dio.

Ma c’è anche la tenebra e la notte. E’ quella in cui si immerge Giuda con la scelta di tradire Gesù, ma è anche quella di Pietro e degli altri discepoli che, di fronte all’annuncio del tradimento, si guardano gli uni gli altri. E’ ancora notte quella di Pietro, che davanti all’annuncio della dipartita di Gesù non è capace di vedere il suo cuore fragile che lo condurrà, quella notte stessa, al rinnegamento di Gesù.

Mistero di luce e di tenebre, mistero di gloria e di tradimento. La Pasqua che si avvicina chiederà a tutti di passare dalle tenebra alla luce, perché il problema non è per nessun discepolo essere delle tenebre, ma lasciarsi guidare con fiducia da Gesù, per essere condotti alla luce della risurrezione, dove non ci sarà notte, ne’ dolore, ne’ lutto, ne’ pianto, ma pace e gioia con Dio.

Una buona notizia: non dobbiamo spaventarci se ci sentiamo smarriti di fronte a quanto accade intorno a noi. Non dobbiamo spaventarci di fronte alla fragilità del nostro cuore, che non sappiamo se reggerà alla prova della testimonianza. Dobbiamo solo lasciarci guidare dal Signore che ci condurrà alla luce della nuova Pasqua.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.