Ostacoli

unnamed (1)

Dal libro del profeta Geremìa 18,18-20
[I nemici del profeta] dissero: «Venite e tramiamo insidie contro Geremìa, perché la legge non verrà meno ai sacerdoti né il consiglio ai saggi né la parola ai profeti. Venite, ostacoliamolo quando parla, non badiamo a tutte le sue parole».
Prestami ascolto, Signore, e odi la voce di chi è in lite con me. Si rende forse male per bene? Hanno scavato per me una fossa. Ricòrdati quando mi presentavo a te, per parlare in loro favore, per stornare da loro la tua ira.

Dal Vangelo secondo Matteo 20,17-28
In quel tempo, mentre saliva a Gerusalemme, Gesù prese in disparte i dodici discepoli e lungo il cammino disse loro: «Ecco, noi saliamo a Gerusalemme e il Figlio dell’uomo sarà consegnato ai capi dei sacerdoti e agli scribi; lo condanneranno a morte e lo consegneranno ai pagani perché venga deriso e flagellato e crocifisso, e il terzo giorno risorgerà».
Allora gli si avvicinò la madre dei figli di Zebedèo con i suoi figli e si prostrò per chiedergli qualcosa. Egli le disse: «Che cosa vuoi?». Gli rispose: «Di’ che questi miei due figli siedano uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno». Rispose Gesù: «Voi non sapete quello che chiedete. Potete bere il calice che io sto per bere?». Gli dicono: «Lo possiamo». Ed egli disse loro: «Il mio calice, lo berrete; però sedere alla mia destra e alla mia sinistra non sta a me concederlo: è per coloro per i quali il Padre mio lo ha preparato».
Gli altri dieci, avendo sentito, si sdegnarono con i due fratelli. Ma Gesù li chiamò a sé e disse: «Voi sapete che i governanti delle nazioni dòminano su di esse e i capi le opprimono. Tra voi non sarà così; ma chi vuole diventare grande tra voi, sarà vostro servitore e chi vuole essere il primo tra voi, sarà vostro schiavo. Come il Figlio dell’uomo, che non è venuto per farsi servire, ma per servire e dare la propria vita in riscatto per molti».

Di fronte alla Parola di Dio si può rimanere indifferenti oppure la si può esplicitamente ostacolare. E’ la dichiarazione dei nemici di Geremia, che sono determinati ad impedire che la parola del profeta possa essere pronunciata e ascoltata.

Nel Vangelo si nota proprio una difficoltà ad accogliere la parola di Gesù sulla passione. Prima Pietro reagisce malamente, poi i figli di Zebedeo; sono i tre coinvolti nella trasfigurazione che si rivelano proprio lontani dal cuore di Gesù.

Gesù ci presenta una delle più belle immagini di sé quando si rivela come colui che si è fatto servo. E’ un’immagine che rimane misteriosa e che dobbiamo cercare di penetrare in tutta la sua profondità. E’ un’immagine che ci rivela l’amore di Dio, ma un amore che passa attraverso un abbassamento che, per noi, rimane scandaloso.
E’ la stessa immagine che san Paolo ci rivela nella seconda lettera ai Corinzi, quando ci dice che “il Signore nostro Gesù Cristo: da ricco che era, si è fatto povero per voi, perché voi diventaste ricchi per mezzo della sua povertà” (2 Cor 8,9).

Una buona notizia: Nella parola di Gesù si rivela l’amore straordinario e scandaloso che Lui ha per noi. Non è semplice da comprendere; dobbiamo riconoscere gli ostacoli che si frappongono in noi di fronte a questa parola di Gesù.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.