Perfetti come il Padre

istock_12603139_medium

Dal libro del Deuteronòmio 26,16-19
Mosè parlò al popolo, e disse: «Oggi il Signore, tuo Dio, ti comanda di mettere in pratica queste leggi e queste norme. Osservale e mettile in pratica con tutto il cuore e con tutta l’anima. Tu hai sentito oggi il Signore dichiarare che egli sarà Dio per te, ma solo se tu camminerai per le sue vie e osserverai le sue leggi, i suoi comandi, le sue norme e ascolterai la sua voce. Il Signore ti ha fatto dichiarare oggi che tu sarai il suo popolo particolare, come egli ti ha detto, ma solo se osserverai tutti i suoi comandi.
Egli ti metterà, per gloria, rinomanza e splendore, sopra tutte le nazioni che ha fatto e tu sarai un popolo consacrato al Signore, tuo Dio, come egli ha promesso».

Dal Vangelo secondo Matteo 5,43-48
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Avete inteso che fu detto: “Amerai il tuo prossimo” e odierai il tuo nemico. Ma io vi dico: amate i vostri nemici e pregate per quelli che vi perseguitano, affinché siate figli del Padre vostro che è nei cieli; egli fa sorgere il suo sole sui cattivi e sui buoni, e fa piovere sui giusti e sugli ingiusti.
Infatti, se amate quelli che vi amano, quale ricompensa ne avete? Non fanno così anche i pubblicani? E se date il saluto soltanto ai vostri fratelli, che cosa fate di straordinario? Non fanno così anche i pagani? Voi, dunque, siate perfetti come è perfetto il Padre vostro celeste».

Diventare come Dio è il desiderio che ha condotto l’uomo sulla via del peccato (Cfr. Gen 3 e Gen 11), ma è anche il desiderio che Dio ha sull’uomo. E’ stupenda questa corrispondenza che sembra mettere in competizione ed invece avvicina l’uomo a Dio.
Il peccato porta a carpire con l’inganno l’uguaglianza divina, attraverso la trasgressione della volontà di Dio, mentre la Legge di Dio ci apre un percorso per poter realizzare  passo passo quella bellissima vocazione alla quale siamo stati chiamati.

Quando noi vogliamo essere come Dio, pensiamo sopratutto alla sua potenza creatrice e liberatrice; facciamo prevalere in noi un’idea magica di Dio. Dio, invece è amore, e la sua somiglianza si realizza proprio in questa capacità di amare senza confini e senza limiti anche coloro che sono autori del male.

Se vogliamo essere come Dio dobbiamo solo imparare ad amare come Lui. La legge era una prima via che ci introduceva nell’amore di Dio e del prossimo. In Gesù noi abbiamo avuto la manifestazione piena di questo amore, in colui che ci ha manifestato cosa significa veramente essere come Dio.

Una buona notizia: anche dio desidera che noi diventiamo come lui. Per questo ci insegna, attraverso Gesù, la via dell’amore.

Indicazioni liturgiche per domenica 8 marzo 2020 nella parrocchia di Santarcangelo
Ci sono anche alcune proposte e sussidi per vivere la vita cristiana in questo tempo di emergenza sanitaria.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.