Luce per le nazioni. Agnello per il mondo.

download (2)

Dal libro del profeta Isaìa 49,3.5-6
Il Signore mi ha detto: «Mio servo tu sei, Israele, sul quale manifesterò la mia gloria».
Ora ha parlato il Signore, che mi ha plasmato suo servo dal seno materno per ricondurre a lui Giacobbe e a lui riunire Israele – poiché ero stato onorato dal Signore e Dio era stato la mia forza – e ha detto: «È troppo poco che tu sia mio servo per restaurare le tribù di Giacobbe e ricondurre i superstiti d’Israele. Io ti renderò luce delle nazioni, perché porti la mia salvezza fino all’estremità della terra».

Dal Vangelo secondo Giovanni 1,29-34
In quel tempo, Giovanni, vedendo Gesù venire verso di lui, disse: «Ecco l’agnello di Dio, colui che toglie il peccato del mondo! Egli è colui del quale ho detto: “Dopo di me viene un uomo che è avanti a me, perché era prima di me”. Io non lo conoscevo, ma sono venuto a battezzare nell’acqua, perché egli fosse manifestato a Israele».
Giovanni testimoniò dicendo: «Ho contemplato lo Spirito discendere come una colomba dal cielo e rimanere su di lui. Io non lo conoscevo, ma proprio colui che mi ha inviato a battezzare nell’acqua mi disse: “Colui sul quale vedrai discendere e rimanere lo Spirito, è lui che battezza nello Spirito Santo”. E io ho visto e ho testimoniato che questi è il Figlio di Dio».

Occhi ancora puntati su Gesù seguendo le testimonianze di Isaia e di Giovanni Battista. Queste prime domeniche del tempo ordinario ci aiutano molto a ricordare che è lui il punto di riferimento, la sua persona, non delle idee o una dottrina o una orale: è lui colui su cui dobbiamo puntare lo sguardo.

Isaia ci fa compiere un passaggio rispetto a domenica scorsa; anche lì ci era stato annunciato il messia come servo di Dio in cui Dio poneva il suo compiacimento. L’essere servo di Dio poteva essere sufficiente per restaurare le tribù di Israele. Ben più grande è la missione di colui che Dio invia per la nostra salvezza: egli è chiamato ad essere luce per le nazioni ( i pagani) e portare la salvezza fino alle estremità della terra.

Anche Giovanni vede Gesù e lo identifica come colui che toglie il peccato del mondo. Mentre Giovanni era venuto a chiamare Israele alla conversione, riconosce in Gesù, colui sul quale scende e rimane lo Spirito, l’Agnello di Dio che toglie il peccato di tutto il mondo.
E noi come pensiamo a Gesù? Come lo identifichiamo? Cosa diremmo di lui?

Una buona notizia: Gesù è venuto per salvare il mondo intero. Noi, che non siamo ebrei per nascita, possiamo godere di questa salvezza. Lui è l’Agnello di Dio che togli il peccato del mondo.

10 comandamenti - pannello

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.