Vita

depositphotos_189061620-stock-video-spring-water-flowing-rock-stones

Dalla prima lettera di san Giovanni apostolo 5,5-13
Carissimi, chi è che vince il mondo se non chi crede che Gesù è il Figlio di Dio? Egli è colui che è venuto con acqua e sangue, Gesù Cristo; non con l’acqua soltanto, ma con l’acqua e con il sangue. Ed è lo Spirito che dà testimonianza, perché lo Spirito è la verità. Poiché tre sono quelli che danno testimonianza: lo Spirito, l’acqua e il sangue, e questi tre sono concordi.
Se accettiamo la testimonianza degli uomini, la testimonianza di Dio è superiore: e questa è la testimonianza di Dio, che egli ha dato riguardo al proprio Figlio. Chi crede nel Figlio di Dio, ha questa testimonianza in sé. Chi non crede a Dio, fa di lui un bugiardo, perché non crede alla testimonianza che Dio ha dato riguardo al proprio Figlio. E la testimonianza è questa: Dio ci ha donato la vita eterna e questa vita è nel suo Figlio. Chi ha il Figlio, ha la vita; chi non ha il Figlio di Dio, non ha la vita.
Questo vi ho scritto perché sappiate che possedete la vita eterna, voi che credete nel nome del Figlio di Dio.

Dal Vangelo secondo Luca 5,12-16
Un giorno, mentre Gesù si trovava in una città, ecco, un uomo coperto di lebbra lo vide e gli si gettò dinanzi, pregandolo: «Signore, se vuoi, puoi purificarmi».
Gesù tese la mano e lo toccò dicendo: «Lo voglio, sii purificato!». E immediatamente la lebbra scomparve da lui. Gli ordinò di non dirlo a nessuno: «Va’ invece a mostrarti al sacerdote e fa’ l’offerta per la tua purificazione, come Mosè ha prescritto, a testimonianza per loro».
Di lui si parlava sempre di più, e folle numerose venivano per ascoltarlo e farsi guarire dalle loro malattie. Ma egli si ritirava in luoghi deserti a pregare.

Per la Scrittura, lo spirito, l’acqua e il sangue sono i tre elementi da cui dipende la vita; senza essi non c’è la vita nell’uomo. Ma esiste un elemento ancora più importante – per l’uomo – per avere la vita ed è il Figlio, la comunione con lui. Lui è venuto perché noi abbiamo la vita in abbondanza (Cfr. Gv 6) e, stare con lui, vivere la comunione con lui, è condizione essenziale per avere la vita.

Per questo è esemplare il percorso del lebbroso del Vangelo che, essendo infettato dalla morte a causa della sua malattia, si rivolge a Gesù, quasi provocandolo sommessamente, invocando che si compisse – finalmente – la volontà di Dio per lui, che non può essere altro che la vita. In quell’espressione di Gesù “Lo voglio!” si  manifesta il desiderio di Dio per la vita dell’uomo.

Una buona notizia: Dio vuole la vita per l’uomo, vuole la sua purificazione dal male; per questo ha mandato il suo Figlio, perché chi ha il Figlio ha la vita.

DGM_SANTARC_POST_

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.