Attesa fiduciosa

speranza

Dal libro del profeta Abacuc
Fino a quando, Signore, implorerò aiuto e non ascolti,
a te alzerò il grido: «Violenza!» e non salvi?
Perché mi fai vedere l’iniquità
e resti spettatore dell’oppressione?
Ho davanti a me rapina e violenza
e ci sono liti e si muovono contese.
Il Signore rispose e mi disse:
«Scrivi la visione e incidila bene sulle tavolette,
perché la si legga speditamente.
È una visione che attesta un termine,
parla di una scadenza e non mentisce;
se indugia, attendila, perché certo verrà e non tarderà.
Ecco, soccombe colui che non ha l’animo retto,
mentre il giusto vivrà per la sua fede».

C’è una frase di un salmo che ci lascia sempre sorpresi ogni volta che la incontriamo nella preghiera: “mille anni per te sono come il giorno di ieri che è passato, come un turno di veglia nella notte“. Il tempo di Dio non è il nostro e noi vorremmo che Dio intervenisse secondo i nostri tempi e le nostre priorità.
Sembra che Dio rimanga indifferente, che non colga l’emergenza. Sembra che Dio sia debole rispetto all’ingiustizia e al male.

Nella parola del Signore che viene inviata mediante il profeta Abacuc, Dio ci invita ad una attesa fiduciosa, perché la fiducia (fede) è la condizione per vivere in pienezza anche nei tempi difficili, per non sentirsi in balia di ciò che accade.

Il volto di un Dio che non ci abbandona e che a cura di noi è il sostegno forte, la roccia che ci salva nei momenti di difficoltà. Potremo dire con san Paolo: “so in chi ho posto la mia fiducia!

Dal Salmo 94
Venite, cantiamo al Signore,
acclamiamo la roccia della nostra salvezza.
Accostiamoci a lui per rendergli grazie,
a lui acclamiamo con canti di gioia.

Entrate: prostràti, adoriamo,
in ginocchio davanti al Signore che ci ha fatti.
È lui il nostro Dio
e noi il popolo del suo pascolo,
il gregge che egli conduce.

Se ascoltaste oggi la sua voce!
«Non indurite il cuore come a Merìba,
come nel giorno di Massa nel deserto,
dove mi tentarono i vostri padri:
mi misero alla prova
pur avendo visto le mie opere».

Preghiamo
O Dio, fonte di ogni bene,
che esaudisci le preghiere del tuo popolo
al di là di ogni desiderio e di ogni merito,
effondi su di noi la tua misericordia:
perdona ciò che la coscienza teme
e aggiungi ciò che la preghiera non osa sperare.
Nel-nome-di-Dio hd

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.