Dissoluti

tavola-di-natale-dei-ferragnez

Dal libro del profeta Amos
Guai agli spensierati di Sion
e a quelli che si considerano sicuri
sulla montagna di Samaria!
Distesi su letti d’avorio e sdraiati sui loro divani
mangiano gli agnelli del gregge
e i vitelli cresciuti nella stalla.
Canterellano al suono dell’arpa,
come Davide improvvisano su strumenti musicali;
bevono il vino in larghe coppe
e si ungono con gli unguenti più raffinati,
ma della rovina di Giuseppe non si preoccupano.
Perciò ora andranno in esilio in testa ai deportati
e cesserà l’orgia dei dissoluti.

Il profeta Amos è celebre per le sue reprimende.
Di fronte alla superficialità, alla spensieratezza di chi si sente al sicuro, di chi si crogiola nella dissolutezza, indifferente rispetto al male e al pericolo che incombe sul popolo, il profeta Amos profetizza che saranno i primi a subire le conseguenze del male in arrivo.
Per i profeti e per Amos in modo particolare, è chiaro che la salvezza per il popolo di Israele sta nella sua conversione, nel suo ritorno a Dio, nell’assunzione di responsabilità rispetto all’impegno di osservare la legge e l’alleanza.

Questo comportamento dissoluto e menefreghista porta Amos a reagire duramente perché vede che, di fronte agli appelli che lui rivolge al popolo, c’è chi se ne disinteressa in modo sfacciato.

L’immagine che Amos ci propone è molto vicina anche al nostro tempo. A fronte di catastrofi incombenti. di problemi sociali enormi, sono tanti che, indifferenti, si abbandonano alle loro dissolutezza, ad una vita effimera e spensierata, come se quanto accade non riguardasse anche loro. Ma Dio farà giustizia!

Per tutti noi rimane l’appello alla conversione.

Dal Salmo 145
Il Signore rimane fedele per sempre
rende giustizia agli oppressi,
dà il pane agli affamati.
Il Signore libera i prigionieri.

Il Signore ridona la vista ai ciechi,
il Signore rialza chi è caduto,
il Signore ama i giusti,
il Signore protegge i forestieri.

Egli sostiene l’orfano e la vedova,
ma sconvolge le vie dei malvagi.
Il Signore regna per sempre,
il tuo Dio, o Sion, di generazione in generazione.

Preghiamo
O Dio, che riveli la tua onnipotenza
soprattutto con la misericordia e il perdono,
continua a effondere su di noi la tua grazia,
perché, camminando verso i beni da te promessi,
diventiamo partecipi della felicità eterna.

Nel-nome-di-Dio hd

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.