Dalla parte del povero

583px-Balance_a_fleau

Dal libro del profeta Amos
Il Signore mi disse:
«Ascoltate questo,
voi che calpestate il povero
e sterminate gli umili del paese,
voi che dite: “Quando sarà passato il novilunio
e si potrà vendere il grano?
E il sabato, perché si possa smerciare il frumento,
diminuendo l’efa e aumentando il siclo
e usando bilance false,
per comprare con denaro gli indigenti
e il povero per un paio di sandali?
Venderemo anche lo scarto del grano”».
Il Signore lo giura per il vanto di Giacobbe:
«Certo, non dimenticherò mai tutte le loro opere».

Il Signore non è indifferente al male e non è neutro. 
Nella Bibbia Dio si schiera sempre dalla parte del povero e del debole, mai con i prepotenti e con gli arroganti. Lui che è l’Onnipotente difende la causa del povero, dell’orfano e della vedova, di coloro che non hanno potere e che non hanno nessuno che li difenda.

Il popolo di Dio sperimenta la forza di Dio quando si trova in uno stato di prostrazione e di miseria: come quando era schiavo in Egitto o quando era esule in Babilonia, o veniva oppresso sul suo territorio da popoli che lo invadevano e soggiogavano. E’ proprio lì che il popolo, mentre è in difficoltà, si rende conto che quella condizione è la condizione privilegiata per essere ascoltati da Dio.

Tutti coloro che spadroneggiano, speculano e sfruttano senza ritegno, senza rispetto, senza dare alcun ascolto alla propria coscienza, saranno giudicati secondo le loro opere se non si convertono e percorrono la via della giustizia.

Oggi la Chiesa celebra la giornata del migrante e del rifugiato. Il papa ci ha consegnato un messaggio che vale la pena leggere con attenzione.

Dal Salmo 112
Lodate, servi del Signore,
lodate il nome del Signore.
Sia benedetto il nome del Signore,
da ora e per sempre.

Su tutte le genti eccelso è il Signore,
più alta dei cieli è la sua gloria.
Chi è come il Signore, nostro Dio,
che siede nell’alto
e si china a guardare
sui cieli e sulla terra?

Solleva dalla polvere il debole,
dall’immondizia rialza il povero,
per farlo sedere tra i prìncipi,
tra i prìncipi del suo popolo.

Preghiamo
O Dio, che nell’amore verso di te e verso il prossimo
hai posto il fondamento di tutta la legge,
fa’ che osservando i tuoi comandamenti
meritiamo di entrare nella vita eterna.

WhatsApp Image 2019-09-13 at 17.05.08

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.