Una storia che si ripete … nel male e nel bene

saulunzione

Dal libro dei Giudici (2,11-19)
In quei giorni, gli Israeliti fecero ciò che è male agli occhi del Signore e servirono i Baal; abbandonarono il Signore, Dio dei loro padri, che li aveva fatti uscire dalla terra d’Egitto, e seguirono altri dèi tra quelli dei popoli circostanti: si prostrarono davanti a loro e provocarono il Signore, abbandonarono il Signore e servirono Baal e le Astarti.
Allora si accese l’ira del Signore contro Israele e li mise in mano a predatori che li depredarono; li vendette ai nemici che stavano loro intorno, ed essi non potevano più tener testa ai nemici. In tutte le loro spedizioni la mano del Signore era per il male, contro di loro, come il Signore aveva detto, come il Signore aveva loro giurato: furono ridotti all’estremo.
Allora il Signore fece sorgere dei giudici, che li salvavano dalle mani di quelli che li depredavano. Ma neppure ai loro giudici davano ascolto, anzi si prostituivano ad altri dèi e si prostravano davanti a loro. Abbandonarono ben presto la via seguita dai loro padri, i quali avevano obbedito ai comandi del Signore: essi non fecero così.
Quando il Signore suscitava loro dei giudici, il Signore era con il giudice e li salvava dalla mano dei loro nemici durante tutta la vita del giudice, perché il Signore si muoveva a compassione per i loro gemiti davanti a quelli che li opprimevano e li maltrattavano. Ma quando il giudice moriva, tornavano a corrompersi più dei loro padri, seguendo altri dèi per servirli e prostrarsi davanti a loro: non desistevano dalle loro pratiche e dalla loro condotta ostinata.

Il libro dei Giudici narra la storia di Israele dall’insediamento nella Terra promessa fino al sorgere della monarchia. Il testo che abbiamo letto rappresenta come la matrice su cui la storia del libro dei Giudici si sviluppa: è una storia caratterizzata in modo ricorrente dall’infedeltà di Israele all’Alleanza, infedeltà che ha come conseguenza l’esperienza del male, come stabilito nell’alleanza stipulata con Dio. La teologia è molto semplice: quando Israele è fedele e riconosce nel Signore la sorgente della sua vita e del suo essere popolo, allora sperimenta la benedizione e la vita; quando invece rinnega l’Alleanza e si piega all’adorazione idolatrica degli dèi delle nazioni circostanti, sperimenta il ritorno alla schiavitù e all’oppressione. Il rispetto dell’alleanza e della Legge di Dio è l’unica possibilità che è data al popolo d’Israele per custodire la libertà che il Signore ha loro concesso.

Quando il popolo invoca l’aiuto di Dio, Dio interviene suscitando un liberatore che riconduce il popolo all’Alleanza e all’esperienza della libertà.

Questa ripetitività del peccato è una costante che parrebbe deprimente. Ma ciò che è importante cogliere è anche la rinnovazione continua dell’intervento di Dio che, fedele all’Alleanza, subito accorre in aiuto del suo popolo quando questi riconosce il suo peccato e il suo errore. Il libro dei Giudici, pur conservando una nota amara, è un piccolo vangelo della misericordia di Dio che non si stanca di riportare il suo popolo alla libertà e alla vita.

Dal Salmo 106
[I nostri padri] non sterminarono i popoli
come aveva ordinato il Signore,
ma si mescolarono con le genti
e impararono ad agire come loro.
Servirono i loro idoli
e questi furono per loro un tranello.
Immolarono i loro figli
e le loro figlie ai falsi dèi.
Si contaminarono con le loro opere,
si prostituirono con le loro azioni.
L’ira del Signore si accese contro il suo popolo
ed egli ebbe in orrore la sua eredità.
Molte volte li aveva liberati,
eppure si ostinarono nei loro progetti
ma egli vide la loro angustia,
quando udì il loro grido.
Preghiamo
O Dio, che hai preparato beni invisibili
per coloro che ti amano,
infondi in noi la dolcezza del tuo amore,
perché, amandoti in ogni cosa e sopra ogni cosa,
otteniamo i beni da te promessi,
che superano ogni desiderio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.