Ospitalità

e90ac559ade54f68062994c26c3eac99

Dal libro della Gènesi (18,1-10)
In quei giorni, il Signore apparve ad Abramo alle Querce di Mamre, mentre egli sedeva all’ingresso della tenda nell’ora più calda del giorno. 
Egli alzò gli occhi e vide che tre uomini stavano in piedi presso di lui. Appena li vide, corse loro incontro dall’ingresso della tenda e si prostrò fino a terra, dicendo: «Mio signore, se ho trovato grazia ai tuoi occhi, non passare oltre senza fermarti dal tuo servo. Si vada a prendere un po’ d’acqua, lavatevi i piedi e accomodatevi sotto l’albero. Andrò a prendere un boccone di pane e ristoratevi; dopo potrete proseguire, perché è ben per questo che voi siete passati dal vostro servo». Quelli dissero: «Fa’ pure come hai detto».
Allora Abramo andò in fretta nella tenda, da Sara, e disse: «Presto, tre sea di fior di farina, impastala e fanne focacce». All’armento corse lui stesso, Abramo; prese un vitello tenero e buono e lo diede al servo, che si affrettò a prepararlo. Prese panna e latte fresco insieme con il vitello, che aveva preparato, e li porse loro. Così, mentre egli stava in piedi presso di loro sotto l’albero, quelli mangiarono.
Poi gli dissero: «Dov’è Sara, tua moglie?». Rispose: «È là nella tenda». Riprese: «Tornerò da te fra un anno a questa data e allora Sara, tua moglie, avrà un figlio».

Non dimenticate l’ospitalità; alcuni, praticandola, senza saperlo hanno accolto degli angeli. (Eb 13,2).

Questo versetto della Lettera agli Ebrei, che si riferisce chiaramente all’episodio accaduto alle Querce di Mamre, ci richiama al dovere e alla bellezza dell’ospitalità, esperienza religiosa (non imprenditoriale) che ci consente di aprirci all’azione di Dio nella nostra vita.

La vicenda delle Querce di Mamre è molto famosa ed è stata ampiamente rappresentata nella storia dell’arte: Abramo accoglie nella sua tenda tre viandanti scoprendo che in essi Dio è venuto a visitarlo. L’accoglienza di Abramo è generosissima e per nulla formale. Si mette in moto in ogni modo per donare agli ospiti ciò di cui possono aver bisogno.
L’accoglienza è portatrice per Abramo e Sara di un dono sperato, ma inatteso. La vita desiderata fiorisce nella tenda di Abramo proprio grazie a quella ospitalità.

L’ospitalità è data, ma anche accolta.
Nel testo ci viene raccontata anche l’accoglienza dell’ospitalità da parte di Dio. Non è un dato scontato. Dio accetta di essere ospitato presso di noi, entra nella nostra casa, ci onora della sua presenza. L’ospite non è solamente il destinatario di generosità, ma è anche colui che, accogliendo la nostra ospitalità, ci rende onore, ci riconosce come degni di accoglierlo nella nostra casa.
Nella vicenda di Abramo, Dio si rivela disponibile ad entrare nella nostra casa e a condividere la nostra vita, disponibilità che diverrà piena in Gesù, Figlio di Dio che “viene ad abitare in mezzo a noi” (Cfr. Gv 1,14).

Dal Salmo 15
Chi abiterà nella tenda del Signore?
Colui che cammina senza colpa,
pratica la giustizia
e dice la verità che ha nel cuore,
non sparge calunnie con la sua lingua.

Non fa danno al suo prossimo
e non lancia insulti al suo vicino.
Ai suoi occhi è spregevole il malvagio,
ma onora chi teme il Signore.

Non presta il suo denaro a usura
e non accetta doni contro l’innocente.
Colui che agisce in questo modo
resterà saldo per sempre.

Preghiamo
Sii propizio a noi tuoi fedeli, Signore, 
e donaci i tesori della tua grazia, 
perché, ardenti di speranza, fede e carità, 
restiamo sempre fedeli ai tuoi comandamenti.

mauro manifesto (2)_LI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.