Odio

images (1)

Dal Vangelo secondo Giovanni (15,18-21)
In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli: «Se il mondo vi odia, sappiate che prima di voi ha odiato me. Se foste del mondo, il mondo amerebbe ciò che è suo; poiché invece non siete del mondo, ma vi ho scelti io dal mondo, per questo il mondo vi odia.
Ricordatevi della parola che io vi ho detto: “Un servo non è più grande del suo padrone”. Se hanno perseguitato me, perseguiteranno anche voi; se hanno osservato la mia parola, osserveranno anche la vostra. Ma faranno a voi tutto questo a causa del mio nome, perché non conoscono colui che mi ha mandato».

Per pudore noi non usiamo quasi mai la parola odio: ci sembra eccessiva e politicamente scorretta. Ci mette in difficoltà rivelare ad altri il male che proviamo per una persona o per una situazione.
La Bibbia non ha mai problemi con i sentimenti, ne’ vive questo pudore; e neppure Gesù, il quale parla apertamente di odio, così come poco prima aveva parlato di amore.
Il mondo ci odia perché non gli apparteniamo. Attua verso di noi un’azione che spesso noi mettiamo in atto (in modo più o meno esplicito) verso coloro che consideriamo estranei o semplicemente diversi.
Il mondo ci odia perché noi apparteniamo a Cristo e perché sente Cristo come estraneo a questo mondo; il mondo è incapace di accogliere Cristo e coloro che sono di Cristo perché gli richiederebbe di mettersi in discussione. Il mondo odia noi e Cristo perché ritiene di essere lui l’unità di misura del reale e tutto quanto non si adegua a lui, viene scartato e giudicato spregevole.

E’ esattamente quello che i demòni che possedevano le persone incontrate da Gesù dicevano a Gesù: sei venuto per rovinarci! Chi non si mette in discussione e non accoglie l’invito alla conversione, viene considerato estraneo e pericoloso perché mette in crisi un sistema che ha già le sue regole: gli risulta odioso.

Non rimane che la violenza, la persecuzione, come sempre dettate dalla ignoranza.

Salmo 100
Acclamate il Signore, voi tutti della terra,
servite il Signore nella gioia,
presentatevi a lui con esultanza.

Riconoscete che solo il Signore è Dio:
egli ci ha fatti e noi siamo suoi,
suo popolo e gregge del suo pascolo.

Perché buono è il Signore,
il suo amore è per sempre,
la sua fedeltà di generazione in generazione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.