Un posto

matrimonio-a-teatro-giacomo-terracciano-24

Dal Vangelo secondo Giovanni (14,1-6)
In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli: «Non sia turbato il vostro cuore. Abbiate fede in Dio e abbiate fede anche in me. Nella casa del Padre mio vi sono molte dimore. Se no, vi avrei mai detto: “Vado a prepararvi un posto”? Quando sarò andato e vi avrò preparato un posto, verrò di nuovo e vi prenderò con me, perché dove sono io siate anche voi. E del luogo dove io vado, conoscete la via».
Gli disse Tommaso: «Signore, non sappiamo dove vai; come possiamo conoscere la via?». Gli disse Gesù: «Io sono la via, la verità e la vita. Nessuno viene al Padre se non per mezzo di me».

Nella casa del Padre noi siamo accolti per benevolenza, non per diritto. Siamo figli adottivi, rigenerati dall’amore del Padre, salvati dal sacrificio del Figlio e santificati dal dono dello Spirito. Siamo ammessi alla casa del Padre perché siamo stati accolti.
E’ bello sapere di essere attesi. E’ bello sapere di avere un posto preparato per noi.
E’ bello che Gesù ci voglia accanto a sé; lui, l’amico che ci conosce e ci ama.

Se qualche volta ci è capitato di essere tra sconosciuti, abbiamo provato un grande sollievo riconoscendo il volto di qualcuno che ci ha invitato e accolto.

La pace del nostro cuore, la fuga del turbamento risiede solamente in questa fiducia: lì dove potremmo essere estranei, abbiamo qualcuno che ci accoglie, che ci riconosce, che ci tiene accanto a sé perché ha fortemente desiderato che noi fossimo con lui.

Ringraziamo ancora la Trinità santissima che ci ha amati e, nella sua benevolenza, ci ha concesso di abitare presso di Lei come concittadini dei santi e famigliari di Dio.

Dal Salmo 2
«Io stesso ho stabilito il mio sovrano
sul Sion, mia santa montagna».
Voglio annunciare il decreto del Signore.
Egli mi ha detto: «Tu sei mio figlio,
io oggi ti ho generato.

Chiedimi e ti darò in eredità le genti
e in tuo dominio le terre più lontane.
Le spezzerai con scettro di ferro,
come vaso di argilla le frantumerai».

E ora siate saggi, o sovrani;
lasciatevi correggere, o giudici della terra;
servite il Signore con timore
e rallegratevi con tremore.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.