Ti fai Dio

5-misteri-dei-faraoni-dEgitto-800x400-800x400

Dal Vangelo secondo Giovanni (10,31-42)
In quel tempo, i Giudei raccolsero delle pietre per lapidare Gesù. Gesù disse loro: «Vi ho fatto vedere molte opere buone da parte del Padre: per quale di esse volete lapidarmi?». Gli risposero i Giudei: «Non ti lapidiamo per un’opera buona, ma per una bestemmia: perché tu, che sei uomo, ti fai Dio». 
Disse loro Gesù: «Non è forse scritto nella vostra Legge: “Io ho detto: voi siete dèi”? Ora, se essa ha chiamato dèi coloro ai quali fu rivolta la parola di Dio – e la Scrittura non può essere annullata –, a colui che il Padre ha consacrato e mandato nel mondo voi dite: “Tu bestemmi”, perché ho detto: “Sono Figlio di Dio”? Se non compio le opere del Padre mio, non credetemi; ma se le compio, anche se non credete a me, credete alle opere, perché sappiate e conosciate che il Padre è in me, e io nel Padre». Allora cercarono nuovamente di catturarlo, ma egli sfuggì dalle loro mani.
Ritornò quindi nuovamente al di là del Giordano, nel luogo dove prima Giovanni battezzava, e qui rimase. Molti andarono da lui e dicevano: «Giovanni non ha compiuto nessun segno, ma tutto quello che Giovanni ha detto di costui era vero». E in quel luogo molti credettero in lui.

Era rimasta forte nella mente degli Ebrei l’esperienza terribile dell’Egitto. Ogni anno, nella cena pasquale, si narrava del Faraone, l’uomo che pretendeva di essere un dio e che voleva combattere contro Dio.
Anche durante l’esilio in Babilonia, come si racconta nel libro di Daniele, gli Ebrei hanno dovuto fare dolorosamente i conti con sovrani come Nabucodonosor che pretendevano l’adorazione dei loro sudditi; e aveva fatto erigere una statua che lo identificava come un Dio.

La reazione dei Giudei dunque è giustificata. Si trova proprio nel DNA di ogni credente ebreo l’esigenza di difendere la trascendenza di Dio e condannare ogni pretesa dell’uomo di mettersi al posto dell’unico Dio.
Ciononostante, come si dice nella seconda parte del Vangelo, c’erano degli elementi che orientavano ad accogliere la testimonianza di Gesù e chi voleva, chi si lasciava coinvolgere, poteva arrivare a credere in lui. Perché la fede in Cristi Figlio di Dio non è affatto irragionevole e, avendo l’attenzione necessaria alle opere che Gesù compie, può essere maturata con semplicità… come sono capaci di fare i piccoli (Cfr. Mt 11,25-26).

Dal Salmo 18
Ti amo, Signore, mia forza,
Signore, mia roccia, 
mia fortezza, mio liberatore.

Mio Dio, mia rupe, in cui mi rifugio;
mio scudo, mia potente salvezza e mio baluardo.
Invoco il Signore, degno di lode,
e sarò salvato dai miei nemici.

Mi circondavano flutti di morte,
mi travolgevano torrenti infernali;
già mi avvolgevano i lacci degli ínferi,
già mi stringevano agguati mortali.

Nell’angoscia invocai il Signore,
nell’angoscia gridai al mio Dio:
dal suo tempio ascoltò la mia voce,
a lui, ai suoi orecchi, giunse il mio grido.

locandina pellegrinaggio ROma copia

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.