Distanza

2124362_large24938

Dal Vangelo secondo Giovanni (8,21-30)
In quel tempo, Gesù disse ai farisei: «Io vado e voi mi cercherete, ma morirete nel vostro peccato. Dove vado io, voi non potete venire». Dicevano allora i Giudei: «Vuole forse uccidersi, dal momento che dice: “Dove vado io, voi non potete venire”?». 
E diceva loro: «Voi siete di quaggiù, io sono di lassù; voi siete di questo mondo, io non sono di questo mondo. Vi ho detto che morirete nei vostri peccati; se infatti non credete che Io Sono, morirete nei vostri peccati». 
Gli dissero allora: «Tu, chi sei?». Gesù disse loro: «Proprio ciò che io vi dico. Molte cose ho da dire di voi, e da giudicare; ma colui che mi ha mandato è veritiero, e le cose che ho udito da lui, le dico al mondo». Non capirono che egli parlava loro del Padre. 
Disse allora Gesù: «Quando avrete innalzato il Figlio dell’uomo, allora conoscerete che Io Sono e che non faccio nulla da me stesso, ma parlo come il Padre mi ha insegnato. Colui che mi ha mandato è con me: non mi ha lasciato solo, perché faccio sempre le cose che gli sono gradite». A queste sue parole, molti credettero in lui.

La sensazione che ci investe ascoltando questo testo del Vangelo è proprio quella della distanza: “voi siete di quaggiù io sono di lassù“; due mondi distanti e con una grande fatica a comunicare.
Quello stupore e quella meraviglia che colpiva le folle quando ascoltavano Gesù, dicendo: “nessun uomo parla come parla quest’uomo“, è divenuta causa di incomunicabilità e di incomprensione.
Anche le domande che vengono poste e alle quali Gesù risponde, in realtà approfondiscono solamente l’incomprensione. Gesù e la gente che gli sta di fronte si trovano su due registri diversi.
C’è solo una parola che chiarirà tutto e sarà la Parola che Dio dirà alla fine in Gesù crocifisso. Una parola talmente eloquente che anche il centurione romano, vedendo come era morto Gesù, riconosce che davvero era il Figlio di Dio (Cfr. Mc 15). Nella croce, direbbe san Paolo, la sapienza di Dio si rivela contro ogni sapienza; e anche se pare una stoltezza, è più sapiente degli uomini: infatti alcuni credettero in lui.

Dal Salmo 102
Signore, ascolta la mia preghiera,
a te giunga il mio grido di aiuto.
Non nascondermi il tuo volto
nel giorno in cui sono nell’angoscia.
Tendi verso di me l’orecchio,
quando t’invoco, presto, rispondimi!

Le genti temeranno il nome del Signore
e tutti i re della terra la tua gloria,
quando il Signore avrà ricostruito Sion
e sarà apparso in tutto il suo splendore.
Egli si volge alla preghiera dei derelitti,
non disprezza la loro preghiera.

Questo si scriva per la generazione futura
e un popolo, da lui creato, darà lode al Signore:
«Il Signore si è affacciato dall’alto del suo santuario,
dal cielo ha guardato la terra,
per ascoltare il sospiro del prigioniero,
per liberare i condannati a morte».

locandina pellegrinaggio ROma copia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.