Iota

images

Dal Vangelo secondo Matteo (5,17-19)
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Non crediate che io sia venuto ad abolire la Legge o i Profeti; non sono venuto ad abolire, ma a dare pieno compimento. In verità io vi dico: finché non siano passati il cielo e la terra, non passerà un solo iota o un solo trattino della Legge, senza che tutto sia avvenuto. 
Chi dunque trasgredirà uno solo di questi minimi precetti e insegnerà agli altri a fare altrettanto, sarà considerato minimo nel regno dei cieli. Chi invece li osserverà e li insegnerà, sarà considerato grande nel regno dei cieli».

“Iota” o “Yod” è la lettera più piccola dell’alfabeto ebraico, appena un po’ più grande di un nostro apostrofo ed è indicata da Gesù come il simbolo di un’attenzione scrupolosa della Legge e dei Profeti.
A fronte dell’accusa di voler abolire la Legge, Gesù si dice, invece, un osservante scrupoloso, anzi, si rivela come colui che è venuto a portare a compimento la Legge. 

“La legge è per noi come un pedagogo che ci ha condotto a Cristo, perché fossimo giustificati per la fede” dice san Paolo nella lettera ai Galati (3,24); la Legge definisce dei limiti, ma non fornisce la mèta; la Legge individua delle condizioni, ma non dona la vita, non conduce al compimento. Solo Cristo ci conduce al compimento della Legge che altro non è che la vita dei figli. I figli non hanno bisogno della legge, perché vivono nella relazione di amore con il Padre. Sono i servi che hanno bisogno di legge. Per questo Gesù, che ci conduce al compimento della relazione con Dio ci dice: “Non vi chiamo più servi, perché il servo non sa quello che fa il suo padrone; ma vi ho chiamati amici, perché tutto ciò che ho udito dal Padre l’ho fatto conoscere a voi” (Gv 15,15).

Dal Salmo 147
Celebra il Signore, Gerusalemme,
loda il tuo Dio, Sion,
perché ha rinforzato le sbarre delle tue porte,
in mezzo a te ha benedetto i tuoi figli.

Manda sulla terra il suo messaggio:
la sua parola corre veloce.
Fa scendere la neve come lana,
come polvere sparge la brina.

Annuncia a Giacobbe la sua parola,
i suoi decreti e i suoi giudizi a Israele.
Così non ha fatto con nessun’altra nazione,
non ha fatto conoscere loro i suoi giudizi.

Mosè - Dio salva

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.