Voce che grida

1544207727577_M5

Dal Vangelo secondo Luca (3,1-6)
Nell’anno quindicesimo dell’impero di Tiberio Cesare, mentre Ponzio Pilato era governatore della Giudea, Erode tetràrca della Galilea, e Filippo, suo fratello, tetràrca dell’Iturèa e della Traconìtide, e Lisània tetràrca dell’Abilène, sotto i sommi sacerdoti Anna e Càifa, la parola di Dio venne su Giovanni, figlio di Zaccarìa, nel deserto.
Egli percorse tutta la regione del Giordano, predicando un battesimo di conversione per il perdono dei peccati, com’è scritto nel libro degli oracoli del profeta Isaìa:
«Voce di uno che grida nel deserto: Preparate la via del Signore, raddrizzate i suoi sentieri! Ogni burrone sarà riempito, ogni monte e ogni colle sarà abbassato; le vie tortuose diverranno diritte e quelle impervie, spianate. Ogni uomo vedrà la salvezza di Dio!».

In questa primo passo su san Giovanni Battista che irrompe nel nostro Avvento, dobbiamo cogliere un passaggio importante, messo in evidenza dall’evangelista Luca.
La parola di Dio venne su Giovanni… nel deserto. ad un certo punto della storia, accade che la parola di Dio viene su un uomo che si trova nel deserto. E’ l’iniziativa di Dio che irrompe nella vita di Giovanni e nella vita del popolo d’Israele attraverso Giovanni, nel deserto. Inizia una nuova creazione!
Come nella prima creazione la parola di Dio irrompe in una situazione di caos indefinito e crea le cose (Dio disse, e fu, ed era buono Cfr. Gen 1), così ora accade che la parola di Dio scende su Giovanni e comincia una nuova creazione. Giovanni, forse, non ha compreso bene tutto. Lui predica un battesimo di conversione, nella speranza che qualcosa della vecchia realtà si possa ricuperare. Invece dovrà scoprire lui stesso che tutta la realtà deve essere rigenerata passando per la morte e la risurrezione.

Voce di uno che grida nel deserto. Che senso ha gridare ne deserto? Chi ti ascolta? Invece saranno in molti ad accogliere l’invito di Giovanni, compreso Gesù. La voce dice due cose che vanno tenute insieme: preparate la via e ogni uomo vedrà la salvezza di Dio. La prima cosa può sembrare troppo difficile: spianare monti, colmare valli, raddrizzare strade … perché tutta questa fatica improba? Perché ogni uomo vedrà la salvezza di Dio: questa è la buona notizia che Giovanni è venuto a portare.

Salmo 126
Quando il Signore ristabilì la sorte di Sion,
ci sembrava di sognare.
Allora la nostra bocca si riempì di sorriso,
la nostra lingua di gioia.

Allora si diceva tra le genti:
«Il Signore ha fatto grandi cose per loro».
Grandi cose ha fatto il Signore per noi:
eravamo pieni di gioia.

Ristabilisci, Signore, la nostra sorte,
come i torrenti del Negheb.
Chi semina nelle lacrime
mieterà nella gioia.

Nell’andare, se ne va piangendo,
portando la semente da gettare,
ma nel tornare, viene con gioia,
portando i suoi covoni.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.