Per tutti

Matthew8CodexEgbertiFol22rDetail

Dal Vangelo secondo Matteo (8,5-11)
In quel tempo, entrato Gesù in Cafàrnao, gli venne incontro un centurione che lo scongiurava e diceva: «Signore, il mio servo è in casa, a letto, paralizzato e soffre terribilmente». Gli disse: «Verrò e lo guarirò». Ma il centurione rispose: «Signore, io non sono degno che tu entri sotto il mio tetto, ma di’ soltanto una parola e il mio servo sarà guarito. Pur essendo anch’io un subalterno, ho dei soldati sotto di me e dico a uno: “Va’!”, ed egli va; e a un altro: “Vieni!”, ed egli viene; e al mio servo: “Fa’ questo!”, ed egli lo fa».
Ascoltandolo, Gesù si meravigliò e disse a quelli che lo seguivano: «In verità io vi dico, in Israele non ho trovato nessuno con una fede così grande! Ora io vi dico che molti verranno dall’oriente e dall’occidente e siederanno a mensa con Abramo, Isacco e Giacobbe nel regno dei cieli».

Dove abita la fede? Chi sono i destinatari della salvezza del Signore?
San Paolo, scrivendo a Timoteo, ci rivela con chiarezza il desiderio di Dio:

Raccomando dunque, prima di tutto, che si facciano domande, suppliche, preghiere e ringraziamenti per tutti gli uomini, per i re e per tutti quelli che stanno al potere, perché possiamo condurre una vita calma e tranquilla, dignitosa e dedicata a Dio. Questa è cosa bella e gradita al cospetto di Dio, nostro salvatore, il quale vuole che tutti gli uomini siano salvati e giungano alla conoscenza della verità. Uno solo, infatti, è Dio e uno solo anche il mediatore fra Dio e gli uomini, l’uomo Cristo Gesù, che ha dato se stesso in riscatto per tutti. (1Tim 2,1-6)

Tutti sono i destinatari dell’azione di Dio; molti la accolgono. Quando il Signore trova un uomo che lo cerca e desidera la vita non solo per sé, ma per il suo amico o addirittura per il suo servo, e sa riconoscere che questa vita viene dal Signore, le porte della grazia si aprono immediatamente e poco importa chi sia o da dove venga.

Per noi nessuna gelosia, ma solo gratitudine, perché il Signore compie la promessa fatta ad Abramo: in te si diranno benedette tutte le genti della terra (Cfr. Gen 12); e realizza quel sogno – annunciato da Isaia – che, alla fine dei tempi, vede il radunarsi di tutti i popoli della terra sul monte del Signore (Cfr Is 2,1-5).

E’ una bella prospettiva ricordarlo in questo giorno in cui la Chiesa fa memoria di san Francesco Saverio, grande missionario gesuita che, con grande passione e dedizione, ha iniziato la missione dell’epoca moderna in Asia e in Estremo Oriente.

Salmo 117
Genti tutte, lodate il Signore,
popoli tutti, cantate la sua lode,
perché forte è il suo amore per noi
e la fedeltà del Signore dura per sempre.

Alleluia.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.