Responsabilità

servo12_39-48

Dal Vangelo secondo Luca (12,39-48)
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Cercate di capire questo: se il padrone di casa sapesse a quale ora viene il ladro, non si lascerebbe scassinare la casa. Anche voi tenetevi pronti perché, nell’ora che non immaginate, viene il Figlio dell’uomo».
Allora Pietro disse: «Signore, questa parabola la dici per noi o anche per tutti?». 
Il Signore rispose: «Chi è dunque l’amministratore fidato e prudente, che il padrone metterà a capo della sua servitù per dare la razione di cibo a tempo debito? Beato quel servo che il padrone, arrivando, troverà ad agire così. Davvero io vi dico che lo metterà a capo di tutti i suoi averi. Ma se quel servo dicesse in cuor suo: “Il mio padrone tarda a venire”, e cominciasse a percuotere i servi e le serve, a mangiare, a bere e a ubriacarsi, il padrone di quel servo arriverà un giorno in cui non se l’aspetta e a un’ora che non sa, lo punirà severamente e gli infliggerà la sorte che meritano gli infedeli. Il servo che, conoscendo la volontà del padrone, non avrà disposto o agito secondo la sua volontà, riceverà molte percosse; quello invece che, non conoscendola, avrà fatto cose meritevoli di percosse, ne riceverà poche. A chiunque fu dato molto, molto sarà chiesto; a chi fu affidato molto, sarà richiesto molto di più».

In questo testo del Vangelo l’invito a tenersi pronti coincide con il richiamo alla responsabilità. Quello che viene richiesto a questi servi è di rispondere di quanto è stato affidato loro, soprattutto delle persone che sono state affidate a loro.
L’essere responsabili richiede che lo svolgimento del proprio dovere abbia come punto di riferimento non solo il mio modo di pensare e di valutare, ma, soprattutto, colui che ci ha affidato quel compito. C’è un mandato che determina il nostro servizio e che ci chiede di rispondere di come lo abbiamo svolto, se abbiamo interpretato il desiderio di colui che ci ha incaricato.

Ci chiediamo oggi chi siano le persone di cui siamo responsabili e se ci è chiaro chi ci ha affidato tale responsabilità.
Penso ai genitori – che spesso dicono: “i figli non sono i nostri” -; sono consapevoli di cosa significhi essere responsabili presso il Signore dei figli che hanno ricevuto in dono (affido)?
Penso ai preti e ai ministri – che spesso dicono e pregano dicendo “ti affido la tua chiesa, Signore” -; sono (siamo) consapevoli che le comunità che ci sono state affidate non sono nostre e non devono camminare secondo la nostra volontà, ma quella del Signore?
Penso a chi svolge compiti di governo e di amministrazione nella cosa pubblica; è consapevole di dover rendere conto a Dio oltre che a coloro che lo/la hanno eletto/a o nominato/a?
Penso a chi svolge un servizio educativo e di cura; c’è la consapevolezza della dignità di ogni persona che ci passa di fronte?
Penso a chi è imprenditore o imprenditrice e si fa carico del lavoro di alcune persone che in modo diverso condividono l’impresa; c’è la consapevolezza della responsabilità che ci si assume e dei criteri utili per fare discernimento nei momenti di difficoltà?

Penso a chiunque sia stato dato molto in opportunità, cultura, formazione, famiglia, salute, vocazione … siamo responsabili di quello che ci viene richiesto?

Salmo 128
Beato l’uomo che teme il Signore
e cammina nelle sue vie.

Vivrai del lavoro delle tue mani,
sarai felice e godrai d’ogni bene.
La tua sposa come vite feconda
nell’intimità della tua casa;
i tuoi figli come virgulti d’ulivo
intorno alla tua mensa.

Così sarà benedetto l’uomo
che teme il Signore.
Ti benedica il Signore da Sion!
Possa tu vedere la prosperità di Gerusalemme
per tutti i giorni della tua vita.
Possa tu vedere i figli dei tuoi figli.
Pace su Israele!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...