L’elemosina purifica

elemosina

Dal Vangelo secondo Luca (11,37-41)
In quel tempo, mentre Gesù stava parlando, un fariseo lo invitò a pranzo. Egli andò e si mise a tavola. Il fariseo vide e si meravigliò che non avesse fatto le abluzioni prima del pranzo. Allora il Signore gli disse: «Voi farisei pulite l’esterno del bicchiere e del piatto, ma il vostro interno è pieno di avidità e di cattiveria. Stolti! Colui che ha fatto l’esterno non ha forse fatto anche l’interno? Date piuttosto in elemosina quello che c’è dentro, ed ecco, per voi tutto sarà puro».

Molte volte noi pensiamo che per purificare la nostra vita sia sufficiente togliere il male in tutte le sue forme: cattive azioni, cattive parole, cattivi pensieri… questa per noi è la vera purificazione, togliere il male.
Ma una realtà non esiste in modo neutro; non esiste una realtà che, essendo priva di male può essere definita pura. L’unica cosa che rende puro è il bene, l’amore, la carità. Si è puri solo se si ama.

E’ interessante che Gesù dica di dare in elemosina quello che rende impuro (quello che c’è dentro), perché ciò che per noi è sorgente di male può essere trasformato in strumento di purificazione per noi stessi. Se, per esempio, una persona è molto attaccata al denaro o alle cose e questo attaccamento lo rende geloso, diffidente, malizioso, … attraverso il dono di quelle cose può purificare la sua vita. Diviene puro perché il suo occhio e il suo cuore comincia a vedere le persone in modo diverso e scopre che ciò che possiede può diventare strumento di comunione invece che causa di divisione.
Crea in me o Dio un cuore puro, rinnova in me uno spirito saldo” (Sal 51)

Salmo 24
Del Signore è la terra e quanto contiene:
il mondo, con i suoi abitanti.
È lui che l’ha fondato sui mari
e sui fiumi l’ha stabilito.

Chi potrà salire il monte del Signore?
Chi potrà stare nel suo luogo santo?
Chi ha mani innocenti e cuore puro,
chi non si rivolge agli idoli,
chi non giura con inganno.
Egli otterrà benedizione dal Signore,
giustizia da Dio sua salvezza.

Ecco la generazione che lo cerca,
che cerca il tuo volto, Dio di Giacobbe.

Alzate, o porte, la vostra fronte,
alzatevi, soglie antiche,
ed entri il re della gloria.

Chi è questo re della gloria?
Il Signore forte e valoroso,
il Signore valoroso in battaglia.

Alzate, o porte, la vostra fronte,
alzatevi, soglie antiche,
ed entri il re della gloria.

Chi è mai questo re della gloria?
Il Signore degli eserciti è il re della gloria.

disabilità1

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...