Nuova creazione

studylight-org

Dal Vangelo secondo Marco (7,31-37)
In quel tempo, Gesù, uscito dalla regione di Tiro, passando per Sidòne, venne verso il mare di Galilea in pieno territorio della Decàpoli. Gli portarono un sordomuto e lo pregarono di imporgli la mano. Lo prese in disparte, lontano dalla folla, gli pose le dita negli orecchi e con la saliva gli toccò la lingua; guardando quindi verso il cielo, emise un sospiro e gli disse: «Effatà», cioè: «Apriti!». E subito gli si aprirono gli orecchi, si sciolse il nodo della sua lingua e parlava correttamente. E comandò loro di non dirlo a nessuno. Ma più egli lo proibiva, più essi lo proclamavano e, pieni di stupore, dicevano: «Ha fatto bene ogni cosa: fa udire i sordi e fa parlare i muti!».

Nella Bibbia la sordità non è una malattia tra le altre, ma è l’incapacità di poter ascoltare la Parola di Dio, quella Parola attraverso cui il Signore opera la sua salvezza e dona la vita. E’ come essere rinchiusi in una prigione il cui accesso è precluso anche a Dio che agisce attraverso la Parola.

Gesù si trova fuori del territorio di Israele, nella Decàpoli. Ci sono alcune persone che ripongono fiducia in lui che conducono a lui un uomo; egli, come il paralitico di Mc 2,1-11 è incapace di andare da solo a Gesù: ha bisogno dell’aiuto di altri.

Gesù per prima cosa lo porta in disparte, lontano dalla folla. Questo gesto è vissuto in un contesto di intimità, come molto intimi (anche un po’ imbarazzanti) sono i gesti di guarigione che Gesù compie. Gli avevano chiesto di imporre le mani, ma Gesù vuole come “entrare” dentro quell’uomo, perché deve compiere per lui una nuova creazione. L’azione di Gesù rimanda ai gesti narrati dalla Genesi nella creazione dell’uomo (Cfr. Gen 2,7): sono le mani operose di Dio e il suo alito di vita (saliva) che deve entrare in quell’uomo perché divenga un essere vivente, grazie alla possibilità di ascoltare e proclamare la Parola di Dio.

Come nella creazione Dio ha fatto buona ogni cosa, così le persone riconoscono il bene compiuto da Gesù: Ha fatto bene ogni cosa.

Dal Salmo 40
Beato l’uomo che ha posto la sua fiducia nel Signore
e non si volge verso chi segue gli idoli
né verso chi segue la menzogna.

Quante meraviglie hai fatto,
tu, Signore, mio Dio,
quanti progetti in nostro favore:
nessuno a te si può paragonare!
Se li voglio annunciare e proclamare,
sono troppi per essere contati.

Sacrificio e offerta non gradisci,
gli orecchi mi hai aperto,
non hai chiesto olocausto né sacrificio per il peccato.

Allora ho detto: «Ecco, io vengo.
Nel rotolo del libro su di me è scritto
di fare la tua volontà:
mio Dio, questo io desidero;
la tua legge è nel mio intimo».

Ho annunciato la tua giustizia nella grande assemblea;
vedi: non tengo chiuse le labbra, Signore, tu lo sai.
Non ho nascosto la tua giustizia dentro il mio cuore,
la tua verità e la tua salvezza ho proclamato.
Non ho celato il tuo amore
e la tua fedeltà alla grande assemblea.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...