Chiamati o eletti?

parable-of-the-wedding-feast-dionysii

Dal Vangelo secondo Matteo (22,1-14)
In quel tempo, Gesù, riprese a parlare con parabole [ai capi dei sacerdoti e ai farisei] e disse: «Il regno dei cieli è simile a un re, che fece una festa di nozze per suo figlio. Egli mandò i suoi servi a chiamare gli invitati alle nozze, ma questi non volevano venire. 
Mandò di nuovo altri servi con quest’ordine: “Dite agli invitati: Ecco, ho preparato il mio pranzo; i miei buoi e gli animali ingrassati sono già uccisi e tutto è pronto; venite alle nozze!”. Ma quelli non se ne curarono e andarono chi al proprio campo, chi ai propri affari; altri poi presero i suoi servi, li insultarono e li uccisero. Allora il re si indignò: mandò le sue truppe, fece uccidere quegli assassini e diede alle fiamme la loro città. 
Poi disse ai suoi servi: “La festa di nozze è pronta, ma gli invitati non erano degni; andate ora ai crocicchi delle strade e tutti quelli che troverete, chiamateli alle nozze”. Usciti per le strade, quei servi radunarono tutti quelli che trovarono, cattivi e buoni, e la sala delle nozze si riempì di commensali. Il re entrò per vedere i commensali e lì scorse un uomo che non indossava l’abito nuziale. Gli disse: “Amico, come mai sei entrato qui senza l’abito nuziale?”. Quello ammutolì. Allora il re ordinò ai servi: “Legatelo mani e piedi e gettatelo fuori nelle tenebre; là sarà pianto e stridore di denti”. Perché molti sono chiamati, ma pochi eletti».

La chiamata dice la grandezza della misericordia e della paternità di Dio: per tutti è aperta la possibilità di accedere al regno dei cieli senza alcun pregiudizio.
Ci sono alcuni che sono stati invitati preventivamente, altri che vengono invitati all’ultimo momento: a tutti viene lasciato lo spazio di libertà per accogliere tale invito.

L’accoglienza del’invito, però, richiede la disponibilità a farsi trovare pronti (con l’abito nuziale) per avere il cuore disponibile a partecipare alla festa. Non è una questione di outfit, non è una questione di esteriorità, ma ci viene richiamata l’esigenza della vigilanza e dell’essere nelle condizioni personali per poter accogliere quell’invito.

Di fatto questa parabola disegna tre scenari: c’è chi rifiuta l’invito; c’è chi lo accoglie, ma non è nelle condizioni; c’è chi lo accoglie e partecipa alla festa. Il regno dei cieli non prevede una seconda possibilità, una seconda chiamata; per questo è opportuno far risuonare in noi l’ammonizione di Gesù: molti sono chiamati, ma pochi eletti.

Dal Salmo 81
Esultate in Dio, nostra forza,
acclamate il Dio di Giacobbe!
Intonate il canto e suonate il tamburello,
la cetra melodiosa con l’arpa.

Suonate il corno nel novilunio,
nel plenilunio, nostro giorno di festa.
Questo è un decreto per Israele,
un giudizio del Dio di Giacobbe,
una testimonianza data a Giuseppe,
quando usciva dal paese d’Egitto.

«Se il mio popolo mi ascoltasse!
Se Israele camminasse per le mie vie!
Lo nutrirei con fiore di frumento,
lo sazierei con miele dalla roccia».

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...