Compassione

campo-di-grano-con-falciatore

Dal Vangelo secondo Matteo (9,32-38)
In quel tempo, presentarono a Gesù un muto indemoniato. E dopo che il demonio fu scacciato, quel muto cominciò a parlare. E le folle, prese da stupore, dicevano: «Non si è mai vista una cosa simile in Israele!». Ma i farisei dicevano: «Egli scaccia i demòni per opera del principe dei demòni».
Gesù percorreva tutte le città e i villaggi, insegnando nelle loro sinagoghe, annunciando il vangelo del Regno e guarendo ogni malattia e ogni infermità. Vedendo le folle, ne sentì compassione, perché erano stanche e sfinite come pecore che non hanno pastore. Allora disse ai suoi discepoli: «La messe è abbondante, ma sono pochi gli operai! Pregate dunque il signore della messe perché mandi operai nella sua messe!».

In questo testo emerge in modo forte il sentimento di Gesù nei confronti delle folle che vanno a lui: Gesù sente compassione per loro; le vede come pecore stanche, sfinite e senza guida.
Oggi dobbiamo chiedere di entrare nello sguardo di Gesù, di farlo nostro, altrimenti rimaniamo nello sguardo malizioso di coloro che, anche di fronte ad un miracolo di guarigione, sentono di doversi difendere da Lui, denunciandolo come un pericolo.

La compassione di Gesù non si riduce ad una commozione interiore, ma si traduce in azione, in presa in carico: Gesù annuncia il Vangelo e  guarisce ogni malattia e ogni infermità. Questa è la compassione di Gesù. E la nostra?

Il Vangelo si conclude con un invito ai discepoli: guardate l’abbondanza della messe!
Lo sguardo di Gesù sulla realtà è positivo, non problematico.
L’invito alla preghiera corrisponde ad un bisogno positivo: la messa è molta.
Ci facciamo carico di questa preghiera di Gesù e chiediamo lo stesso sguardo positivo sulla realtà.

Dal Salmo 135
Signore, il tuo nome è per sempre;
Signore, il tuo ricordo di generazione in generazione.
Sì, il Signore fa giustizia al suo popolo
e dei suoi servi ha compassione.

Benedici il Signore, casa d’Israele;
benedici il Signore, casa di Aronne;
benedici il Signore, casa di Levi;
voi che temete il Signore, benedite il Signore.
Da Sion, benedetto il Signore,
che abita in Gerusalemme!

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...