Vendetta

f587b1334a0d1f5286d74581441338a3

Mt 5,38-42

Non opporsi al malvagio. Perché?
Non è forse giusto opporsi al malvagio con un’azione proporzionata (occhio per occhio…)? Come si può accogliere questa scandalosa parola di Gesù?

Gli occhi di Gesù sono sempre fissi sulla persona e non su quanto la persona compie; anche quando quella persona mi percuote, mi maltratta, mi estorce qualcosa, … non distolgo i miei occhi dal suo volto riconoscendo un fratello o una sorella.

Un uomo non è il suo errore” diceva don Oreste Benzi.
Questo – secondo il Vangelo – vale anche quando sono io la vittima dell’azione erronea e violenta. Quella persona è degna di essere amata e accolta oltre il suo errore.
Non fanno così un padre o una madre?

Questo testo del Vangelo non si può spiegare razionalmente, ma occorre fissare il nostro sguardo su Gesù per contemplare in lui, nella sua persona, quanto dice:

– Il sommo sacerdote, dunque, interrogò Gesù riguardo ai suoi discepoli e al suo insegnamento. Gesù gli rispose: «Io ho parlato al mondo apertamente; ho sempre insegnato nella sinagoga e nel tempio, dove tutti i Giudei si riuniscono, e non ho mai detto nulla di nascosto. Perché interroghi me? Interroga quelli che hanno udito ciò che ho detto loro; ecco, essi sanno che cosa ho detto». Appena detto questo, una delle guardie presenti diede uno schiaffo a Gesù, dicendo: «Così rispondi al sommo sacerdote?». Gli rispose Gesù: «Se ho parlato male, dimostrami dov’è il male. Ma se ho parlato bene, perché mi percuoti?». (Gv 18,19-23)
– Maltrattato, si lasciò umiliare e non aprì la sua bocca;
era come agnello condotto al macello, come pecora muta di fronte ai suoi tosatori,
e non aprì la sua bocca. (Is 53,8)

Beati gli operatori di pace, perché saranno chiamati figli di Dio.” (Mt 5,9)

Dal Salmo 38
I miei amici e i miei compagni si scostano dalle mie piaghe,
i miei vicini stanno a distanza.

Tendono agguati quelli che attentano alla mia vita,
quelli che cercano la mia rovina tramano insidie
e tutto il giorno studiano inganni.

Io come un sordo non ascolto
e come un muto non apro la bocca;
sono come un uomo che non sente
e non vuole rispondere.

Perché io attendo te, Signore;
tu risponderai, Signore, mio Dio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...