Il digiuno

pane-e-acqua

Mt 9,14-15

Esiste una relazione strettissima tra le “pratiche religiose” e la relazione con Dio.

Nel cristianesimo, e secondo il Vangelo, il digiuno, così come la preghiera e l’elemosina, che pur sono consigliate, non sono delle pratiche ascetiche in vista di un perfezionamento personale, ma devono aprire alla relazione con il Signore e con gli altri.

Il digiuno, in particolare, è un’esperienza di limite che mi aiuta ad aprirmi alla presenza di Dio nella mia vita, rinunciando alla presunzione di autosufficienza.
Se non è compreso in questo orizzonte, il digiuno, così come ogni altra pratica religiosa, diviene l’espressione del mio narcisismo e del mio autocompiacimento.
Se invece è l’occasione in cui volontariamente mi apro ad un’esperienza di debolezza, sentirò crescere in me il desiderio di colui che è pane di vita e acqua che disseta.
Se mi espongo volontariamente alla privazione di qualche bisogno essenziale, sento crescere in me il desiderio di ciò che davvero mi può saziare.

Il digiuno è molto utile quando si è perso lo sposo perché la mia “religione” è tornata ad essere una religione della legge che ha perso di vista la logica dell’amore.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...