Terza password: NOVITA’

wallpapers_506

Mt 11,2-11

Ancora non si era spento l’eco delle parole di Qoèlet, il sapiente che fu re d’Israele e si propose di indagare sulla saggezza presente nel mondo… sconsolato Qoèlet conclude dicendo: «Vanità delle vanità, dice Qoèlet, vanità delle vanità: tutto è vanità.
Quale guadagno viene all’uomo per tutta la fatica con cui si affanna sotto il sole?
Una generazione se ne va e un’altra arriva, ma la terra resta sempre la stessa.
Il sole sorge, il sole tramonta e si affretta a tornare là dove rinasce.
Il vento va verso sud e piega verso nord. Gira e va e sui suoi giri ritorna il vento.
Tutti i fiumi scorrono verso il mare, eppure il mare non è mai pieno: al luogo dove i fiumi scorrono, continuano a scorrere. 
Tutte le parole si esauriscono e nessuno è in grado di esprimersi a fondo.
Non si sazia l’occhio di guardare né l’orecchio è mai sazio di udire.
Quel che è stato sarà e quel che si è fatto si rifarà; non c’è niente di nuovo sotto il sole.
10 C’è forse qualcosa di cui si possa dire: «Ecco, questa è una novità»?
Proprio questa è già avvenuta  nei secoli che ci hanno preceduto.» Qo 1,2-10

I profeti lo avevano annunciato: il Signore sta per fare una cosa nuova e mai vista, ma la realtà dei fatti sembrava smentire questo annuncio; come osservava Qoèlet tutto era sempre uguale, tutto si ripeteva inesorabilmente: nulla di nuovo sotto il sole.

Giovanni Battista era in carcere, imprigionato da Erode per aver detto la verità riguardo al suo adulterio. In carcere Giovanni è stato colto dal dubbio: sarà Gesù il messia, come avevo intuito, come lo spirito mi ha fatto intendere là al Giordano, dopo che Lui ha ricevuto il battesimo? Sarà Lui il Cristo oppure è tutta un’illusione e siamo condannati a rassegnarci che nulla cambierà? Giovanni è in carcere e manda alcuni suoi discepoli a parlare con Gesù: Giovanni ha bisogno di sapere; non può finire tutto così!

Giunti da Gesù i discepoli di Giovanni pongono la domanda: sei tu?
Gesù risponde nel modo più bello: guardate con i vostri occhi!
Ricordate quello che i profeti avevano detto!
Essi vedranno la gloria del Signore, la magnificenza del nostro Dio.
Irrobustite le mani fiacche, rendete salde le ginocchia vacillanti.
Dite agli smarriti di cuore: «Coraggio, non temete! Ecco il vostro Dio, giunge la vendetta, la ricompensa divina. Egli viene a salvarvi».
Allora si apriranno gli occhi dei ciechi e si schiuderanno gli orecchi dei sordi.
Allora lo zoppo salterà come un cervo,griderà di gioia la lingua del muto“. (Is 35)
Dio sta facendo una cosa nuova. Il regno di Dio è qui in mezzo a voi!
Le cose vecchie sono scomparse: ecco, ne sono nate di nuove…

Quelli che noi chiamiamo i miracoli, sono le novità che Dio compie nella storia degli uomini; sono delle azioni belle di Dio che continuamente crea a e salva, sana e rinnova le cose.

Per Cristo nostro Signore tu, o Dio, crei e santifichi sempre,
fai vivere, benedici e doni al mondo ogni bene.
(Preghiera eucaristica I)

Occorre avere però occhi capaci di guardare e riconoscere quello che Dio compie! Occorre avere occhi e cuore nuovo e questo è il primo miracolo che Dio può compiere per noi. Senza occhi nuovi e cuore nuovo noi non riusciremo a riconoscere i prodigi di Dio.

“Darò loro un cuore nuovo, uno spirito nuovo metterò dentro di loro. Toglierò dal loro petto il cuore di pietra, darò loro un cuore di carne…” (Ez 11,19)

Tante novità accadono intorno a noi e Dio ogni giorno compie miracoli.
La nostra presunzione e la nostra ottusità ci impediscono di vederli e riconoscerli rimanendo nella tristezza che viveva anche Qoèlet.
La sfida di questa settimana di avvento che si apre davanti a noi è proprio quella di saper riconoscere il prodigi del Signore, le novità che Dio pone nella nostra vita.
Chiediamo al Signore occhi per vedere e cuore capace di stupirsi e lodare Dio per ciò che lui opera in mezzo a noi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...